Vortice Caldore: le differenze tra i vari modelli della serie

Vortice CaldoreVortice Caldore è una linea di termoconvettori elettrici e, al momento, sono disponibili tre differenti prodotti. La differenza tra questi modelli avremo modo di descriverla nel corso dell’articolo, dove tra l’altro potrai pure leggere un’approfondita recensione sul convettore Caldore R 70211 e sul Caldore RT 70221.
Naturalmente metteremo a confronto i tre prodotti anche dal punto di vista economico. Ma prima di tutto, scopriamo le differenze.

Termoconvettori Vortice Caldore: le differenze

I tre convettori della linea Caldore si distinguono, intanto, per una diversa identificazione alfanumerica, ovvero: 70201, R 70211 e RT 70221
Questa è solo una differenza letterale, in basso scopriremo, nel dettaglio, quella tecnica.
Due termoconvettori li abbiamo anche recensiti e potrai leggerne la recensione cliccando sugli appositi link.

  • Vortice Caldore 70201: è il modello base ed è quello che rispecchia in pieno un classico termoconvettore senza ventola. Di conseguenza è la stufa elettrica più lenta nel riscaldare una stanza, ma è anche quella che di certo non potrà mai infastidire nessuno. Ciò proprio per la mancanza della ventola. 
  • Vortice Caldore R 70211: opta per questo modello se desideri un convettore più veloce. Tale stufa consente di attivare la ventola ad ogni potenza (a 800 W, a 1200 W e a 2000 W). L’attivazione o meno sarà una tua liberissima scelta. Puoi anche optare per un utilizzo classico come per il modello base. 
  • Vortice Caldore 70221: scegliendo questo modello non solo usufruirai della ventola, ma grazie al timer 24h ad intervalli di 15 minuti è possibile programmare accensione e spegnimento della stufa.

Sopra abbiamo visto quali sono le differenze tecniche tra i vari termoconvettori Vortice Caldore, adesso scopriamo, invece, le differenze economiche.

 
Ultimo aggiornamento: 17 Settembre 2019 18:50

Caldore Vortice: quale termoconvettore acquistare?

Il nostro personale consiglio cambia in base alle tue necessità.
Per quanto riguarda il Caldore 70201 Vortice lo consigliamo a chiunque sia in cerca di un convettore classico senza alcuna ventola. Tra l’altro è anche la stufa Caldore più economica [come poi rivedere qui]. Il modello intermedio (70211) invece, lo consigliamo proprio per il motivo opposto. Inoltre, rispetto ad altri convettori in commercio, la ventola la attivi anche alla minima potenza.
Mentre, il termoconvettore più avanzato, lo consigliamo a chi ritiene necessario programmare accensione e spegnimento della stufa. Ed è quindi disposto a spendere un po’ di più per avere questo vantaggio.

Termoconvettore Vortice Caldore: i punti in comune

Viste le differenze, passiamo adesso a definire cosa hanno in comune i vari termoconvettori Caldore Vortice. Ebbene, tutti e tre possono essere utilizzati alla potenza di 800 W, 1200 W e 2000 W. In base al livello di coibentazione possono riscaldare camere fino a 30 mq.
In ognuna di queste stufe potrai contare sul termostato meccanico e sulla funzione antigelo che garantisce l’accensione del convettore se la temperatura scende sotto i 5°C.

Dal punto di vista strutturale, ogni convettore Caldore Vortice vanta un pratico avvolgicavo e i quattro piedini di appoggio con gommini anti-sdrucciolo.
Sia il pannello frontale che quello posteriore (e anche le griglie) sono realizzate con l’acciaio verniciato. La vernice è antigraffio e, come hai visto dalle foto in alto, è grigia. E c’è di più: acquistando separatamente le staffe, tutti i convettori Caldore della Vortice possono essere installati a parete.
Esteticamente c’è da dire che non si tratta di termoconvettori elettrici bellissimi. Sicuramente in commercio vi sono modelli che si fanno maggiormente apprezzare dal punto di vista fisico.

Search