Termoventilatore o pannello radiante a infrarossi?

Termoventilatore o pannello radiante a infrarossiTermoventilatore o pannello radiante a infrarossi”, un dubbio che sicuramente accompagna molti di noi durante la scelta di una tra le due tipologie di stufe elettriche. Scelta che però, come avrai modo di valutare nel corso del nostro articolo, in effetti è più semplice di quello che può sembrare, visto che si tratta di due sistemi di riscaldamento davvero opposti. La scelta, dunque, non sarà poi così complicata.

Meglio pannello radiante a infrarossi o termoventilatore?

Nei prossimi sotto-paragrafi passeremo a visionare quando preferire un pannello radiante ad un termoventilatore e viceversa, però prima è il caso di specificare il modo in cui riscaldano queste stufe elettriche. I pannelli si affidano al riscaldamento ad infrarossi che non ha il compito di riscaldare l’aria, proprio l’opposto di ciò che fanno i termoventilatori. Ed è proprio per questo motivo che i due sistemi offrono benefici opposti.

Quando preferire un pannello radiante a infrarossi ad un termoventilatore?

I pannelli riscaldanti a infrarossi ci riscaldano immediatamente, basta stare alla portata del calore da essi emanato. Quindi, se magari stai leggendo un libro e senti freddo, posizionati davanti alla stufa radiante per usufruire subito del suo calore. Più ci si allontana dalla sua portata e più il benessere verrà avvertito meno (in attesa, ovviamente, che la stanza si riscaldi completamente). Ma attenzione però: anche se la stanza poi raggiunge una buona temperatura di comfort, una volta spenta la stufa questa temperatura scende abbastanza velocemente proprio perché i pannelli riscaldano le superfici e non l’aria.

Se vuoi combattere la muffa di certo optare per i pannelli infrarossi è la soluzione migliore perché riscaldando le pareti evitando il deposito di condensa. E tra l’altro non riscaldando l’aria non c’è neppure il rischio che possano essere diffuse le microparticelle di polvere, ciò che invece può accadere con i termoventilatori.
Non essendo provvisti di ventola, i pannelli ad infrarossi sono più silenziosi e quindi ideali per essere installati ed utilizzati in camera da letto anche di notte.

Quando preferire un termoventilatore ad un pannello riscaldante ad infrarossi?

Come abbiamo visto, il pannello riscalda immediatamente però la durata della temperatura di comfort (una volta spenta la stufa) è davvero breve. Il termoventilatore non è così immediato nel riscaldare (anche se, comunque, è veloce grazie alla presenza della ventola) però la temperatura rimane calda più a lungo grazie proprio alla capacità di riscaldare l’aria e non le superfici.

Inoltre, prima abbiamo anche specificato come tali tipologie possano diffondere le microparticelle di polvere nell’ambiente, questo difetto è stato eliminato da alcuni modelli che adottano un apposito filtro antipolvere estraibile e lavabile (così da velocizzare le operazioni di manutenzione) che trattiene le particelle per un ambiente che sarà più sano.

Pannello infrarossi o termoventilatore: e tu di quale hai bisogno?

Abbiamo capito che conviene scegliere un pannello radiante se si desidera un riscaldamento immediato, silenzioso, in grado di combattere la diffusione della polvere e la comparsa della muffa, invece meglio optare per un termoventilatore qualora si decida di possedere un sistema di riscaldamento comunque veloce ma capace di mantenere più a lungo la temperatura di comfort.

E dopo aver letto ciò, tu di quale stufa hai bisogno tra le due?
La scelta ora spetta a te e dovrai basarti sulle tue reali necessità.
Per darti un ulteriore aiuto possiamo consigliarti di leggere gli articoli inerenti ai quadri infrarossi riscaldanti e agli specchi infrarossi riscaldanti (due tipologie di pannelli radianti) o consigliarti di leggere le recensioni su questi termoventilatori:

Search